San Francisco governa? San Francisco rules?

Credo sia il momento, almeno per me, di ripensare il dualismo NY/LA per quanto riguarda le due culle del sound punk e post degli States. Probabilmente Frisco le ha, per un paio di anni, battute entrambe. Basti por mente al fatto, simbolico, che proprio lì probabilmente sono terminati l’uno e l’altro genere: fu, infatti, nella città dell’amore fraterno che i Sex Pistols tennero il loro ultimo concerto (al Winterland) ed i Throbbing Gristle in formazione completa resero al  mondo il loro ultimo show (al Kezar Pavilion il 29/05/1981).

Probabilmente i media ricordano più S.F. come la patria del beat negli anni ’50 (anche qui, altro famoso locale di reading poetici, la Six Gallery),del movimento beatnik nei ‘60, degli hippy nei ‘70 e della controcultura gay negli ‘80 etc. ma questa città è stata fondamentale anche per i generi musicali che hanno dominato l’inizio degli anni ’80 ed il volgere dei ’70, si considerino questi indizi:

1)   da San Mateo a metà ’70 emigrarono in Groove Street 444 i Residents e la loro fantomatica corporation la Cryptic, che posero le basi della new wave americana;

2)   lì il primo punk americano cercò di allontanarsi dallo stile imperante dei Ramones a favore di un sound più grezzo ed incazzato: si vedano le performance, dal ’76 in poi nell’altro luogo simbolo (il Mabuhay Garden), degli Avengers della fantastica Penelope Houston, dei Crime e dei Nuns (sebbene questi ultimi ben presto avvicinarono sonorità new wave);

3)   lì nacquero i Dead Kennedys che iniziarono l’hardcore punk e ricordiamo che il loro leader Jello Biafra addirittura si candidò a sindaco della città, ottenendo non irrilevanti sebbene largamente minoritari consensi

4)   ivi già nel ’79 abbiamo assistito ai più riusciti esperimenti di fusione dell’electro con il punk grazie ai sottovalutati Units (anche se sul punto i Suicide di NY vantano il primato) Da trovare assolutamente il loro raro primo Ep autoprodotto High Pressure Days, che intanto potete ascoltare qui nella prima versione grezza, diversa da quella del LP: http://www.youtube.com/watch?v=qOsrS4XgyB0&feature=related

5)   Da lì si diffuse nella nazione il primo industrial made in usa con i Factrix che collaborarono largamente con il quinto membro amerikano dei TG, Monte Cazazza;

6)   là possiamo trovare alcune tra le band misconosciute più rivalutate oggi dalla critica: si veda l’intero capitolo dedicato da Simon Reynolds, nel suo fondamentale Post Punk, ai Flipper ed alle loro costole, i grandissimi Sleepers da alcuni considerati (eccessivamente) quello che i Joy Division avrebbero potuto diventare e non sono mai stati, recuperati di recente sul magazine MOjo, anche, dall’altro guru dell’editoria britannica, John Savage (l’uomo che nel ’77 fece scoprire i Residents in UK!).

 

Se questi indizi non vi bastano, non so cosa farci.

(rarissima prima stampa del primo singolo di Avengers, cd. crucifix cover -val. circa €250)

Annunci

~ di lexspeed su gennaio 24, 2012.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: