La irresistibile ascesa di GSTQ (the unstoppable rising of GSTQ)


Ormai è un assioma che il disco punk e post più ricercato sia il secondo singolo dei Sex Pistol, ovvero l’omaggio indecente al giubileo della Regina.

Le ragioni sono essenzialmente due, cioè l’obiettiva rarità delle prime edizioni ed il valore iconico della canzone sulla A side, che costituisce, ancor oggi, il più violento attacco al potere ed alla tradizione che abbia anche goduto di vastissimo successo popolare: ad una settimana dalla sua uscita nei negozi nel ‘77 il singolo scalzò Rod Stewart dalla n.1 in classifica UK, nonostante i media conservatori si mobilitassero contro i 4 ragazzotti della periferia londinese

Ebbene questo singolo venne infine edito dalla Virgin ma è noto che alcune copie vennero stampate dalla A&M, che si era per prima assicurata i giovani alfieri del punk ma poi non se la sentì di fare uscire un titolo così provocatorio, risolvendone il lucroso contratto; alcune copie (una ventina) girarono per gli uffici della “stolta” casa discografica ed oggi sono prede ambitissime il cui valore oscilla tra le 8/10.000 sterline (avete letto bene) ma ancor di più valgono gli acetati, cioè le prove di stampa senza etichetta e copertina: l’ultima ha superato le 14.000 sterline qualche mese fa ed una copia in condizioni peggiori (gli acetati sono molto delicati) venne battuta cinque anni fa ad 11.000 sterline.

Questi dischetti hanno scalzato nientemeno che i Beatles che normalmente dominano le classifiche di valore delle rarità.

 Potreste chiedervi ma chi glielo lo fa fare a spendere un patrimonio per un disco che non puoi neanche sentire nè apprezzare nella copertina, nella grafica etc.? Francamente non lo so, non sono mai stato un fan degli acetati e preferisco una edizione, magari rarissima, ma ufficiale con una bella copertina ed una buona registrazione, quale mi chiederete voi? Beh! Un bella copia tra le sole mille pubblicate di An Ideal for living dei Joy Division ancora oggi ti emoziona quando ne scarti la copertina apribile e metti sul piatto il 7” vinile imbustato direttamente, ai tempi, dai membri stessi della band… ma purtroppo questa release vale “solo” un migliaio di sterline: è proprio vero i soldi non fanno la felicità.

 

Annunci

~ di lexspeed su luglio 11, 2011.

4 Risposte to “La irresistibile ascesa di GSTQ (the unstoppable rising of GSTQ)”

  1. gli acetati, come pure i test pressing, hanno una qualità sonora migliore rispetto alla stampa definitiva. Questo perchè sono fatti direttamente dal master. Quindi hanno un suono più fedele all’originale.
    Ovviamente gli acetati sono molto delicati e, dopo alcuni ascolti, diventano inutilizzabili, in quanto non sono stampati su vinile (come i test pressing).
    Io, personalmente, preferisco avere un test pressing rispetto ad una copia normale….. 🙂 poi è questione di gusti…..

    • ti ringrazio della precisazione. i test pressing in quanto prime stampe sono più vicini all’originale ma non sempre suonano meglio della prima edizione regolare, infatti a volte vengono coinvolte diverse stamperie non tutte del medesimo livello qualitativo… è un prenderci.

  2. i test pressing vengono stampati apposta per valutare se il suono è a posto o se ci sono distorsioni o altri tipi di problemi. Una volta ascoltato il test pressing e deciso che suona ok, lo si comunica alla stamperia, che darà il via al processo di stampa delle copie normali. Se il test pressing non viene approvato per difetto di stampa, la stamperia provvederà a ristamparli ed a sottoporli nuovamente al cliente. Se il test pressing non viene approvato per difetti legati alla registrazione/mixaggio, il master verrà ripreso in mano per eliminare i problemi e poi, successivamente, ri-inviato alla stamperia per rifare i test pressing. Solitamente i test pressing sono in numero compreso tra 1 e 3 copie.Negli ultimi anni molte case discografiche stampano all’incirca 10/20 copie test pressing, in quanto verranno poi messe sul mercato per i collezionisti più accaniti……..In ogni caso il test pressing è (subito dopo l’acetato) il supporto più fedele rispetto al suono originario del master. Per forza di cose le copie normali non possono suonare come un test pressing o un acetato. Diffcilmente si fa fare un acetato da una stamperia, i test pressing da un’altra e, magari, la stampa definitiva da un’altra ancora. Questo, soprattutto, per un fattore economico: se fai fare tutta la lavorazione ad una ditta, avrai un prezzo. Se fai fare la lavorazione un pò ad una ditta ed un pò ad un’altra, costa di più. Poi, se vengono fuori problemi, una ditta ti dice che è colpa della parte del lavoro fatto dall’altra ditta….. 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: