I 15 dischi più belli del punk & post italiano (greatest italian punk and post albums & singles) Non necessariamente quelli fondamentali (Not necessarily the most importants)

wretch

punk…

Nabat- Scenderemo nelle strade ep 7”

CCCP – Ortodossia EP 7”

Gaznevada – Nevada Gaz 45

Wretched – In nome del loro potere…… EP 7”

Negazione – Tutti pazzi EP 7”

Raw Power – You are the victim LP

Skiantos – Sono un autonomo 45

Cani – Guai a voi! EP 7”

not_love

.. e post

Frigos/O_zone – Pennsylvania rain 45

Gaznevada – Sick Soundtrack LP

Stupid Set Rangoon patrol 12”

Neon – My blues is you 12”

Not Moving – Jesus loves his children EP 12”

Diaframma – Siberia LP

Stigma – Panic square  EP 7″  eh eh eh… questo non l’avete mai sentito???stigma

Annunci

~ di lexspeed su ottobre 13, 2009.

9 Risposte to “I 15 dischi più belli del punk & post italiano (greatest italian punk and post albums & singles) Non necessariamente quelli fondamentali (Not necessarily the most importants)”

  1. Caro Lexspeed,
    credo che 17 RE dei Litfiba avrebbe meritato di comparire nella tua classifica (sezione post, ovviamente).
    Ciò, ovviamente, a mio modesto parere.
    Ancora complimenti per l’altissima qualità del blog.

  2. uè mauro, grazie dei complimenti. annoto la tua segnalazione

  3. Io ho CANI 7″ originale, ma la mia è una delle poche copie SENZA il timbro sul fronte copertina.

  4. Tra i dischi fondamentali del punk italiano, io ci metterei anche Tampax/Hitler SS 7″ split 1979 Compact Cassette Records e Mittageisen “Hardcore/Transylvania 1970″ 7” 1979 Sadist Records.

  5. Nei fondamentali inserirei anche: Bloody Riot “s/t” LP 1985 Meccano Records, Negazione “Lo spirito continua” LP 1986 Konkurrel Records, Nabat “Laida Bologna” 7″ 1984 C.A.S. Records, Shotgun Solution “s/t” 7″ 1983 High Rise Records

  6. Ho notato che hai inserito gli Stigma nel post punk, ma era un gruppo hardcore di Roma. E’ un 7″EP e contiene queste canzoni: Panic square, Joyful smiles, Heart in pieces, Fall everyday. E’ uscito nel 1985 su Rat Race Records. Del gruppo facevano parte anche alcuni membri dei Bloody Riot.

  7. si saranno anche definiti hardcore… ma se ascolti quel vinile suona di tutto (anche psyc) piuttosto che HC

  8. Anche gli I REFUSE IT spaziavano notevolmente tra generi musicali, ma sono definiti hardcore. Nel limite del possibile, penso ci si debba cercare di attenere alle definizioni comuni, altrimenti poi si scopre che i NABAT erano un gruppo reggae perchè avevano fatto la canzone “Martò”…. 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: