La censura che venne dal freddo (the censura who came in from the cold)

Parliamo di censura in musica ma non di provenienza siberiana da parte del famigerato Glavit (organo di controllo bolscevico delle arti) ma dall’innevato Canada, o meglio parliamo di autocensura operata dal più famoso gruppo punk di quella nazione, che oggi è ritenuto il vero precursore dell’’Hardcore, i D.O.A.

I quattro pubblicarono un ep a 12” agli albori del 1979 dall’invitante titolo “The triumph of the ignoroids”, analizzandone la copertina  subito ci balzano agli occhi tre elementi:

Una invitante teen ager che, accucciata, sta firmando un foglietto.

La foto di una rock band anni ’70 (dove riconosciamo  un Rod Stewart d’annata)

La scritta Let’s FUCK (lessico punk per eccellenza) a destra

Entrambi questi elementi, per ragioni affatto diverse, furono oggetto, nelle varie edizioni del disco (3+1) di censura da parte del gruppo.

Potete immaginare che la prima edizione del 12” era quella free uncensored, infatti vediamo dalla cover in bianco e nero che la ragazza era priva di slip, il volto di Rod Stewart era riconoscibile, così come la scritta fuck.

I

Ma chi era la fanciulla e perchè nelle successive edizioni le sue pudenda furono oscurate?

I D.O.A. erano canadesi  e molti ricorderanno che il giovane primo ministro di allora, Pierre Trudeau, aveva una avvenente moglie Margaret, molto devota alle arti liberali del quadrivio. In prossimità del loro inevitabile divorzio la ancora Fanciulla di Stato venne sorpresa a firmare autografi ed immortalata così come la vediamo, esuberante, nella copertina della I°. Erano altri tempi e dopo le prime mille copie i D.O.A. in tour internazionale decisero di portarsi un altro migliaio di copie blu ma autocensurate per il timore di azioni legali sia nella foto della bella Margaret che del pimpante Rod, mentre la scritta appariva parzialmente coperta,  **CK .

!B,SCEtwCGk~$(KGrHgoOKicEjlLmZB)tBKq0o0lVQ!~~_12

Seguì poi nei primi ottanta una nuova edizione in parte censurata (ma con il Rod visibile) e probabilmente neppure autorizzata dalla band, che era nuovamente in B/N e con la scritta coperta, invece, così F*CK.

III

Oggi ne esiste anche una edizione pirata in 7” priva di alcun valore collezionistico.

IV

QUOTATIONS (in rialzo)

I° € 100,00

II°€  50

III°€ 25

IV° €1

Annunci

~ di lexspeed su settembre 29, 2009.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: